Disable Preloader

In questa vita non possiamo fare grandi cose
ma possiamo fare piccole cose con grande amore.
Madre Teresa di Calcutta

Lettera di Karanja Musyoki

Carissimi tutti voi collaboratori dell'ospedale di Dolo,

sono Karanja Musyoki e sono qui per ringraziarvi della vostra generosità operosa, perché per molti anni mi avete sponsorizzato fino a ottenere il diploma in veterinaria. Io ho sempre studiato con profitto, perché sapevo che dietro alle mie spalle avevo una grande catena di solidarietà che mi ha spinto fino a ottenere l'attestato in veterinaria. La mia gioia è immensa perché mi sento una persona che ha potuto raggiungere il mio ideale di vita.

Io, ho sempre sognato di essere un veterinario, ma la mia povertà e la mancanza dei genitori, il mio sogno sarebbe svanito nel nulla. La vostra presenza e i vostri sacrifici mi hanno permesso di raggiungere il mio obiettivo.

Io, lavoro come veterinario in un Agrovet e ogni giorno esco a visitare e curare gli animali. La gente quando mi chiama dottore mi sento grande e poi mi dico: "La carità mi ha portato a sollevarmi dalla mia povertà ed io devo sempre ringraziare e ricordarmi da dove sono venuto".

Il mio stipendio mi permette di vivere modestamente e anche di aiutare la mia famiglia.
A voi tutti collaboratori dell’ospedale Civile di Dolo dico: "Grazie e siate felice di aver innalzato un povero e di averlo reso una persona dignitosa". La mia mano ora è aperta ad aiutare chi è nel bisogno, perché so cosa significa a non aver cibo da mangiare e andare a letto con i crampi allo stomaco.

Grazie e il Signore vi benedica e siate fieri di aver avuto compassione di me piccolo viandante in mezzo alle immondizie del mondo.

Spero che questa ruota di carità non si fermi, ma che possa aiutare altre persone che sono nel bisogno, perché è un grande dono quello che state facendo.

Con affetto,
Karanja Musyoki